E tu, cosa vedi? Le nuvole

Chi l’avrà fatta? Come? Quando? Dove?

– A SCUOLA, PER STUDENTI –

Stai un po’ lì ad osservare le nuvole, poi se vuoi puoi chiudere gli occhi.. A cosa stai pensando? Prendi il tuo quaderno-diario e scrivi tutto quello che ti viene in mente mentre guardi le nuvole…tutto va bene! Non ci sono pensieri giusti e pensieri sbagliati…vanno bene anche solo alcune parole, anche se non sono collegate tra loro…

Le mie parole…

Libertà
Esprimersi
Pace
Mare
Relax
Sognare

Adesso scrivi le tue!!

Qual è la nuvola che ti piace di più?
Scegli una nuvola che ti piace, dalle un nome e scrivilo nel tuo diario.
Prova a disegnarla: puoi usare tutti i materiali che hai a disposizione a casa…

Ad esempio, puoi fare lo sfondo del cielo con il colore azzurro, le tempere, usando le spugne, le cannucce, puoi fare le sfumature con il blu e poi puoi fare la tua nuvola con il bianco. Puoi usare anche del cotone per fare la tua nuvola, e poi incollarlo sul foglio. Va benissimo anche colorare con i pastelli e magari fare le sfumature con la polverina…siete liberi di usare tutti i materiali che volete

Tante forme diverse

Hai visto quante nuvole ci sono in cielo?
Tutte diverse…
Tu che cosa vedi?
Prova a trovare nelle nuvole delle forme, degli oggetti, degli animali, delle persone…usa la tua immaginazione! ☺
Poi racconta nel tuo diario che cosa hai visto!! ☺

Maestra Elisa Carraro

Le parti in grassetto indicano lo spunto per l’abbinamento con il testo teatrale proposto da Casa dello Spettatore

continua su senzascuola

– DAL TEATRO, PER INSEGNANTI –

Tra le nuvole

Sarah Bernardt in Amleto  (Parigi, 1899)

ATTO III – scena seconda

[…]

POLONIO – Signore, la regina vostra madre vuole parlarvi, al più presto possibile
AMLETO – Vedete quella nuvola laggiù? Non ha quasi la forma d’un cammello?
POLONIO – Càspita! Ci somiglia veramente!
AMLETO – O piuttosto, direi, ad un donnola.
POLONIO – Dal dorso, infatti, sì, sembra una donnola…
AMLETO – O una balena…
POLONIO – Proprio, una balena.
AMLETO – Allora vado da mia madre, subito.
(Tra sé) Tendono l’arco della mia ragione fino a spezzarlo!…
(Forte) Sì, ci vado, subito

[…]

(William Shakespeare, Amleto, 1600 – 1602 ca)

Tutti gli articoli

Load More Posts

Newsletter



Iscriviti

Scrivici

Cerca nel sito

Il teatro,
l’educazione,
la scuola

TUTTI I PROGETTI

Load More Posts

Collaborazioni

Social

2020-06-17T08:16:33+00:00
I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. Leggi la nostra Privacy and Cookie Policy Ok