Per crescere spettatori e cittadini consapevoli. Insieme.

Casa dello Spettatore. Educare al teatro2020-10-21T16:13:43+00:00

Progetti in corso

Casa dello Spettatore conduce il ciclo di incontri a distanza Allunaggi mitici a cura di Giorgio Testa e Giuseppe Antelmo, per accompagnare la visione degli assoli teatrali prodotti al termine del progetto Heroes – Aspettando l’inaugurazione del Nuovo Teatro. Il progetto è in collaborazione con la Compagnia La luna nel letto e il Teatro Comunale di Ruvo di Puglia.

Casa dello Spettatore con Giorgio Testa coordinerà i lavori di “Il Teatro è la scuola”, un ciclo di webinar a cura di ATER – Fondazione e Teatro comunale Laura Betti di Casalecchio di Reno, rivolto a docenti di ogni ordine e grado e genitori su visioni multimediali, teatro e attività educative. Nell’ambito di Class Action. Il diritto al teatro, finanziato dalla L. 37/94 della Regione Emilia Romagna.

Casa dello Spettatore coordinerà a Roma i lavori del progetto Affido Culturale selezionato dal Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile nata da un Protocollo di Intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo.

IL TEATRO PER L’EDUCAZIONE

Una nuova sezione del sito di Casa dello Spettatore per presentare e raccogliere documenti, testimonianze e riflessioni sul tema dell’educazione alla visione come contributo al consolidamento del patto educativo tra scuola e teatro. Un patto, e prima ancora un rapporto, che crediamo debba essere strutturato per sostenere il ruolo della scuola nella società, ossia per accompagnare quel percorso di formazione dell’individuo che l’istituzione scuola determina per larga parte ma non in maniera esclusiva. Una condizione di non esclusività che, peraltro, viene sperimentata quotidianamente anche dall’istituzione della famiglia…

LEGGI TUTTO

Casa dello Spettatore

Casa dello Spettatore organizza e promuove progetti di educazione alla visione per la formazione del pubblico, in collaborazione con scuole, università, enti di formazione, teatri, circuiti, festival e compagnie su tutto il territorio nazionale. Uno spazio permanente di studio, sperimentazione e ricerca teorico-pratica sull’esperienza di essere spettatori.

Laboratori, seminari, corsi di formazione e incontri destinati a comunità di spettatori di ogni età, insegnanti, studenti, operatori teatrali e compagnie, che stimolano la partecipazione attiva e approfondiscono la ricerca sul ruolo del pubblico come fattore indispensabile per l’esistenza dello spettacolo dal vivo.

La metodologia della “didattica della visione”, attiva processi in grado di spostare lo sguardo verso altre prospettive e apprendimenti, per accogliere differenti punti di vista. Un esercizio costante di cooperazione educativa, per imparare ad essere cittadini e spettatori consapevoli.

Finalità

A scuola

Nella città

In festival

ARCHIVIO

L’origine della nostra ricerca

L’associazione culturale Casa dello Spettatore eredita e prosegue il lavoro realizzato in precedenza dai suoi soci fondatori nell’ambito del Centro Teatro Educazione (CTE), la struttura per l’educazione al teatro che l’Ente Teatrale Italiano ha promosso e sperimentato dal 1997 al 2010. Strumento della sperimentazione è stato il protocollo d’intesa del 1995 tra il Ministero della Pubblica Istruzione, il Dipartimento dello Spettacolo e l’Ente Teatrale Italiano che impegnava le tre istituzioni a “valorizzare l’educazione al teatro come una componente significativa della formazione dei giovani”.

Contatti

Newsletter



Iscriviti

I Percorsi di visione

I Percorsi di visione rappresentano il cuore del progetto di Casa dello Spettatore: comunità di spettatori che riscoprono il piacere di frequentare il teatro insieme condividendo un’esperienza che intreccia conoscenza ed emozione. Diversamente da un abbonamento trasversale, i Percorsi di visione di Casa dello Spettatore si fondano sulla creazione di un gruppo di spettatori, cui viene offerta una serie di incontri di approfondimento, preliminare e /o successivi alla visione, che poggiano sulla metodologia di apprendimento cooperativo detta “didattica della visione”, con il supporto di documenti di ricerca appositamente predisposti per l’occasione: stimolo a un processo di progressiva consapevolezza dello spettatore e seme di una conoscenza specifica.

Tutte le edizioni

Lettera aperta alla comunità
delle spettatrici e degli spettatori

Casa dello Spettatore da sempre lavora sulla costruzione di comunità, sulla relazione, sull’incontro tra spettatrici e spettatori e non in ultimo sul corpo. Non solo perché si occupa di teatro e dunque di corpo vivo in scena, ma anche perché crede in quella comunicazione speciale che unisce il fisico all’intelletto, il corpo alla mente, rendendoli un unico complesso organismo.

Oggi siamo giustamente chiamate e chiamati a tenerci a distanza, una distanza responsabile per il bene della comunità. Ma sappiamo, perché l’arte ce lo ha insegnato, che la lontananza e la distanza conservano intrinsecamente il senso delle cose. Questo è il momento di mantenere viva più che mai la connessione tra noi, che sta nei pensieri, nella memoria e nell’invisibile.

È indubbio che il mondo dello spettacolo, e non solo quello, stia subendo una crisi senza precedenti. Siamo vicini a tutte le operatrici e gli operatori che ne subiscono le conseguenze, tra cui noi stessi in una certa misura. Questo momento del resto getta anche luce su alcune problematiche importanti che investono la cura e la tutela dei singoli soggetti e il senso vero del pubblico, non solo quello teatrale – sebbene la parola sia la stessa – ma inteso in senso civile.

Oggi però più di ogni altra cosa ci teniamo a ricordarci e ricordare a voi che fate parte della nostra comunità che possiamo esserci in molti modi in questa distanza. Che ci siamo. Che i pensieri e le connessioni tra noi viaggiano più veloci dei virus. Prendiamo questo tempo per la cura del nostro corpo e del pensiero, rendiamolo insieme un seme per una fioritura nuova.

Casa dello Spettatore

I progetti finanziati dal MiBACT

2017

Cittadino e Spettatore

Con il progetto Cittadino e Spettatore si cammina su tre sentieri: da una parte i percorsi che vedono gli spettatori attivi nell’andare a teatro insieme e nell’incontrarsi per discuterne, quale esperimento di convivialità cittadina; dall’altra, due proposte di studio di questa attività, per condividere una riflessione sulla condizione dello spettacolo dal vivo e del suo pubblico, e sulle pratiche e i modi in cui si articola questa esperienza.

2018 – 2020

Casa dello Spettatore. Per una formazione del pubblico

A partire dalla considerazione che la visione di uno spettacolo teatrale debba essere il centro di un percorso che mobiliti conoscenze, domande ed emozioni e dalla consapevolezza che “imparare a vedere” è il risultato di un processo, Casa dello Spettatore sperimenta da anni pratiche e strumenti didattici per la formazione del pubblico.

Collaborazioni

Social

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. Leggi la nostra Privacy and Cookie Policy Ok